Capo Vaticano

Offerte vacanze Capo Vaticano 2017

Offerte Calabria

Torri, Cavallari e Scorridori

Torri Cavallari e Scorridori in CalabriaLa proposta di costruire le torri di difesa fu avanzata a Carlo V da Don Pedro di Toledo vice re di Napoli, che, venendo i Calabria, si era accorto che le costiere erano senza protezione, per cui bisognava fortificarle. Complessivamente furono costruite 366 torri a spese dei cittadini che dovevano pagare una tassa ad agosto ed a Natale. Alla custodia delle torri erano addetti i torrieri che avevano il compito di segnalare con fuochi e spari agli abitanti del posto ed alla torre successiva che dal mare stavano giungendo i pirati e bisognava impedirne con le armi l’approdo. Alla custodia delle torri vi erano anche i cavallari che percorrevano la spiaggia con il compito di avvistare le fuste dei corsari e subito avvertire i torrieri, per poi correre suonando il corno agli abitanti e gridando:”All’armi! All’armi! La campagna sona: li turchi su arrivati alla marina…”. I torrieri e i cavallari non potevano allontanarsi dalla spiaggia né potevano possedere barche ed attrezzi da pesca. Ai cavallari che non facevano il loro dovere era comminata una pena di 100 once. La paga era gravata sul focatico che era di grani 7 ½ a foco. La dodicesima parte del grano si usò chiamarla “cavalluccio” e l’imposizione pare fosse decisa o confermata dal vice rè Spagnolo Parafan De Ribera Duca di Alcalà.

Talvolta i cavallari avevano un capo detto anche sopracavallaro che non faceva servizi di guardia e percepiva soltanto sei ducati all’anno. Nonostante la presenza delle torri fatte costruire a difesa della costa, nel secolo XVI,  la dura sconfitta subita dai turchi nella battaglia di Lepanto del 1571. L’audacia dei corsari non si attenuò e tenne sempre in ansia pescatori e popolazioni costiere fino ai primi decenni del secolo scorso. Il passaggio dei predoni era una calamità temuta ed improvvisa come le pestilenze ed i terremoti. Per questo motivo, il regno di Napoli, il 22 febbraio 1821 istituì la Guardia di sicurezza interna, nella quale erano obbligati a prestare servizio i cittadini dai venti ai quaranta anni. Dopo il 1848 quel corpo armato assunse il nome di Guardia Nazionale.


You are here: Territorio Cenni storici Torri - Cavallari - Scorridori

pubblicità Capo Vaticano Calabria© Pubblicom S.a.s. P.Iva 03057570792 - Azienda di promozione turistica presente sul territorio di Capo Vaticano di Ricadi nei pressi di Tropea in Calabria.