Capo Vaticano

Offerte vacanze Capo Vaticano 2016

Offerte Calabria

Rivolte contadine

Le rivolte Contadine in Calabria a TropeaI disagi e le vessazioni degli amministratori di Tropea causarono la rivolta del 1647-’48 che partì da Parghelia, guidata dal marinaio Leonardo Drago. Essa si estese a tutta la zona avendo come obiettivo il saccheggio della città di Tropea e la spartizione dei beni e delle consorti dei nobili e degli onorati, ove si fosse riusciti a rapirle. I ribelli vinsero in un primo scontro, ma successivamente ebbero una dura sconfitta da parte delle guardie al servizio delle consorterie dominanti Tropea.

Un’altra rivolta avvenne il 6 agosto 1722; ebbe inizio nel casale di Spilinga, guidata da un certo Orazio Falduti, e vide in breve la partecipazione di tutti i casali e dei villaggi di Capo Vaticano. I moventi di questa rivolta vanno ricercati nel fatto che i casali dovevano pagare una tassa di 300.00 ducati, che non era stata equamente ripartita, perché non si era tenuto conto, da parte dei sindaci di Tropea, dell’ordinanza con la quale la Regia Camera della Sommaria nel 1720 aveva esentato dal pagamento di detto tributo le persone che vivevano alla giornata. Le intimazioni della tassa furono respinte tra generali proteste, ma la repressione fu dura e corse sangue.

I casali dovranno ancora attendere, per quasi un secolo, prima di vedere coronate le loro aspirazioni di indipendenza e di liberazione dai privilegi che la città di Tropea considerava diritti inalienabili. Come dappertutto ci furono periodi di prosperità e altri di ristrettezze. Questi si manifestarono maggiormente verso la metà del 1700, quando nel Regno di Napoli si ripristinò l’antico sistema di diritti feudali con canoni esosi che gravavano in particolare sui contadini. La ricchezza delle popolazioni di questa zona, che intrattenevano rapporti commerciali con la Sicilia, le Eolie e persino con Venezia, esportando prodotti agricoli pregiati (vino, grano, olio) dotate, come erano, di un porto e di una flottiglia di imbarcazioni da trasporto (possedevano gradi tartane), andò esaurendosi e, ultimo dei casali di Tropea, anche Ricadi cedette alla pressione fiscale. A rendere sempre più difficili le condizioni di vita ai gravami fiscali si aggiunsero i numerosi terremoti, che distrussero in buona parte gli abitati, e poi il diffondersi del brigantaggio .


You are here: Territorio Cenni storici Le Rivolte Contadine

pubblicità Capo Vaticano Calabria© Pubblicom S.a.s. P.Iva 03057570792 - Azienda di promozione turistica presente sul territorio di Capo Vaticano di Ricadi nei pressi di Tropea in Calabria.