Capo Vaticano

Offerte vacanze Capo Vaticano 2017

Offerte Calabria

Movimenti sismici: I Terremoti

Terremoti Capo Vaticano a Ricadi Tropea in CalabriaI terremoti accellerarono il processo di miseria e di decadenza dei casali, ad economia prevalentemente agricola, dove maggiore, tra gli abitanti, era la percentuale delle famiglie contadine, minima al rappresentanza artigiana, debole la borghesia agraria e inesistenti i professionisti.

Dal punto di vista geo- sismico il territorio di Capo Vaticano Ricadi in Calabria è classificato tra le zone sismiche di una categoria alle quali, dalla nuova normativa, viene assegnato un grado di sismicità S = 12. Nel territorio di Capo Vaticano , i terremoti si sono ripetuti con frequenza e con caratteri molto simili, come riferisce il Baratta. Essi cambiarono la fisionomia della zona, seminando lutti e distruzione di interi villaggi e deviando il corso dei torrenti. Seguendo l’ordine cronologico le scosse sismiche storicamente annotate iniziarono il 18 gennaio 1638 e il 27 marzo dello stesso anno, causando enormi danni nel villaggio di Panaia con il crollo di 80 case. Nel 1659 le scosse ebbero inizio il 5 novembre e continuarono nella mattinata del 10 novembre, distruggendo completamente Panaia dove si ebbero 496 morti.

Il 2 ottobre 1687 crollarono nella zona molte case, tuttavia non si hanno notizie di morti. Non diversamente avvenne coi terremoti del 1720 e del 6 settembre 1735. Nel 1783 fu avvertita verso le ore 13 del 5 febbraio a cui ne seguì un’altra nella mattinata del giorno 6 e un’altra ancora più violenta alle 10 di sera del giorno 7. Scosse di minore entità avvennero le notti e i giorni successivi fino alla scossa finale del 28 marzo verso la seconda ora della notte. Essa ebbe la durata di 20 secondi, causando molte vittime e danni rilevanti ai villaggi situati nell’area del promontorio di Capo Vaticano.

Alle rovine del terremoto si aggiunsero, nell’estate del 1783, il fetore causato dalla putrefazione dei cadaveri, di cui non si era provveduto alla sepoltura, lo sviluppo degli insetti nelle acque stagnanti è un mortale morbo a carattere epidemico, che determinò nuove sofferenze e lutti. Le scosse sismiche continuarono fino al 1786; ma altre scosse ben più gravi si verificarono inferiori per il fatto che la gente viveva ancora nelle baracche dopo il precedente terremoto.

Dal 1869 al 1886 la nostra zona fu sinistra da altri 7 terremoti, a cui si aggiunse il maremoto del 1894. I danni furono così ingenti che il governo italiano aprì una pubblica sottoscrizione a favore delle popolazioni colpite dall’immane disastro. Un’altra scossa di terremoto si registrò nel 1897 e poi disastrosi furono i sismi del 1905 e del 1908 che provocarono oltre all’intervento del governo italiano contributi stranieri per l’invio di soccorsi e la costruzione di baracche.


You are here: Territorio Cenni storici I Terremoti

pubblicità Capo Vaticano Calabria© Pubblicom S.a.s. P.Iva 03057570792 - Azienda di promozione turistica presente sul territorio di Capo Vaticano di Ricadi nei pressi di Tropea in Calabria.