Capo Vaticano

Offerte vacanze Capo Vaticano 2016

Offerte Calabria

Detti e Motti

Detti e Motti PopolariDi seguito un elenco di Detti e Motti popolai nella zona di Capo Vaticano Tropea in Calabria


Jennaru

Iu su Jannaru, di prima entratura, Nta tutti i mandri i fimmini figghiaru. L'alberi ciangiunu pè la potatura e pè muntgni i ricotti quaghhiaru. Capu Massaru di tutti li misi, Armanu a caccia tutti li forisi. Quandu la bella è bella di natura cchiu sciamparata và e cchiu bella pari. Focu mu cadi di li ciaramiti m' ardi li lingui chi parranu mali.

 Frivaru

In su Frivàru. Ogni erba nasci. Di chistu tempu nasci la viola: la pecurella nta li chiani pasci mentri lu lupu lu denti s'ammola. Pè li muntagni che su' arti e bassi 'nci canta lu cardillu cola cola.

Detti e Motti Capo Vaticano

A fimmana chi và fora non faci tila e nò linzola  Chimmu arraggi comu i cani.

 Marzu

In sugnu Marzu cu lu me' zappuni: Ora i massari calanu allu chianu. Si senti ad ogni stroffa lu pasturi. Chi frisca di li capri accumpagnatu. Non vi fidati di lu me' contegnu ca sulu Coraìsima mantegnu.

Detti e Motti

Palumbella sedi sedi ca la tua vintura veni. Cu passa di cc' avanti e non saluta chimmu nci cadi la vucca malata. E seni schetta nommu si marita e s'è cattiva mu mori arraggiata. U porcu quandu è porcu di natura non vali si nci fai lu strica e lava. Porci di mulinari, muli di mulatteri fijji i putighari, non accucchiari.

Aprili

In sugnu Aprili, gentili signuri, chi vegnu e portu la nova armonia. L'arburi vonnu l'abitu di jiuri, e cantanu l'uccelli in allegria. E chistu jiuri che mi spunta 'mpiettu lu dugnu a Maju, lu me' giovanettu.

Detti e Motti

Quandu jiuri la brughera è vinuta primavera. Ammazzasti 'u porcu e ti chiudisti e di l'amici toi ti ndi futtisti.

Maju

Iu su Maggiu, maggiuri d'ogni misi. Jornati longhi e criaturi cuntenti. E quannu passu cu festi e cu rrisi dassu scordati tutti gli strumenti. Mo partu ma vi dassu i boni spisi, vi dassu d'ogni sorta d'alimenti.

Detti e Motti

Chimmu ti ngruppa. Campa ca vidi e sarba ca trovi.

 Giugnu

Iu sugnu Giugnu, cu la mia sirricchia chi metu granu e jettu la cicerchia. Ogni patruna faci la minestra mentri cunta i ducati 'nta sacchetta. E se pe' prati 'ndavi povarelli tornanu cu nu ' mazzu i spichicelli.

Detti e Motti

Si voi mangiari carni cu gustu prima la gujji e doppu l'arrusti. Capustoticu mu t'acchiappa

 Lugliu

Chiamami Lugliu, chiamami Giugnettu, Cu spagghia, cu cerni, cu carria. Nujiu si sedi, appoia o staci a lettu, cu 'nfurna e sfurna e nujia si sazia. Abbentu nun c'è chiù non  c'è rigettu pé spendiri, tantu è la fatica.

Detti e Motti

Cu marinari, pecurari e sbirri non pijjiari amicizia ca sgarri. T'adocchiaru cu l'occhi e ca menti iu ti sdocchiu cu l'occhi, cu cori e ca menti.

Agosto

Augustu no 'ndavi erbi e mancu juri ma è di frutti bellu carricatu. Regna suvranu lu sulileuni. Tutta la vigna si 'ndavi adurnatu. Scialanu tutti allegri li patruni u li mugghieri e li garzuni allatu.

Detti e Motti

Lu vindiri t'impara ad accattari e lu vicinu toi quand'hai da fari gromula amari mu nd'agghiutti.

 Settembri

In su' Settembri chi matura l'uva: E quanti vigni 'ndannu a maturari! Pira, nespuli, ficadindia e puma chi l'orti no ndi ponnu chiù portari. Guarda i nuci e va cògghiri i castagni ca finisci 'ntra jorna la cuccagna.

Detti e Motti

U sangu jungi e l'interesse sparti. Chimmu ti cadi a lingua dojjia colica mu ti pijjia, tutti li fimmani du paisi prigavanu a Santu Vitumu nci manda nu maritu bellu, riccu e sapurito. A socera ca nora non passa tempu e fannu fora.

Ottobri

Io sugnu Ottobri, gran faticaturi, e quantu granu ndaju a siminari mi levu di lu lettu all'arbat'ura pigghiu li voi e vaju ad arari. Nta li catoi gugghiunu li gutti, Iu sugnu Ottobri, u cchiù russu di tutti.

Detti e Motti

Hai vojjia mu ndi fai acqua gujjiuta, a cinnari fa janca la vucata. Mejjiu nu piattu d'erbi si nc'è amurica nu goi grassu undi c'è duluri.

 Novembri

Io sugnu Novembri cu vecchi penzeri ndaju a ccattari lu mantu e lu friddu, vaju ammucciuni cu nu candileri: Senti chi sonu fa sta vutticella. Pigghia a cugnata e parti alla muntagna. Cu si vesti di nigru e cu di jancu.

Detti e Motti

Quandu u suli si fa russu u patruni stendi u mussu. Mala Pasca mu ti veni.

 Dicembri

Io sugnu Dicembri, misi addicimbratu, cu la olivella accantu di lu vinu. U poveru chi n'avi chi pigghiari nci cunta la miseria di lu riccu, quandu sona la notti di Natali tutti li mammi annacanu u Bambinu.

Detti e Motti

Patruni pochi strazi mi poi fari

ca pocu è lu tempu chi t'haiu a sirviri. Mu vai comu patruma chi iu e non turnau.


You are here: Territorio Tradizioni Detti e Motti

pubblicità Capo Vaticano Calabria© Pubblicom S.a.s. P.Iva 03057570792 - Azienda di promozione turistica presente sul territorio di Capo Vaticano di Ricadi nei pressi di Tropea in Calabria.