Capo Vaticano

Offerte vacanze Capo Vaticano 2017

Offerte Calabria

Cenni Storici

Generale francese ChampionnetIl territorio di Ricadi risulta abitato fin dai tempi più remoti. Fin qui si spinsero i coloni greci di Locri che occuparono anche gli insediamenti che sorgevano più a monte, sulle alture di Torre Galli, alle cui pendici i Bruzii o Bretti costruirono il villaggio di Brattirò che ricorda nel nome la loro capitale Bretto. Dopo i Greci fu la volta dei Romani che vi lasciarono tracce indelebili del loro passaggio nella lingua, negli usi, nei costumi, addirittura nei lineamenti morfologici degli abitanti. Per secoli i pirati saraceni saccheggiarono le coste di Capo Vaticano, per cui la popolazione si spostò più all'interno costituendo piccoli nuclei abitati sulle zone collinari. Nel secolo XVI, don Pedro di Toledo, Vicerè di Napoli, fece erigere le torri di avvistamento lungo le coste, con compito di “dare avviso” della imminenza di sbarchi pirateschi, sicchè i contadini avevano il tempo di scappare verso l' interno in cerca di rifugio. Fino al 1799 i paesi del Capo erano “casali” della città di Tropea . In quell'anno, il generale francese Championnet rese Ricadi autonoma. Nel 1806 Giuseppe Napoleone, in occasione della suddivisione del regno in Provincie, Distretti e Governi, assegnò Ricadi alla Provincia della Calabria Ulteriore, Distretto di Monteleone (oggi Vibo Valentia), Governo di Tropea. Nel 1811 Ricadi venne elevata a comune autonomo, e le furono assegnate le frazioni di S. Domenica, Ciaramiti , S. Nicolò, Brivadi, Orsigliadi e Brattirò. Successivamente Brattirò venne assegnata al comune di Drapia ed a Ricadi vennero attribuite le frazioni di Barbalaconi e Lampazzone.Storia Tropea Capo Vaticano Calabria Nessun avvenimento di rilievo da allora fino al 1894. in quell'anno arrivò a Ricadi la ferrovia, la quale si fermò in località Torremarino, nel posto ove oggi sorge il residence Contura; infatti non era stato ancora costruito il viadotto sul torrente Ruffa. Con l'arrivo della ferrovia ha inizio anche l'emigrazione. Infatti era più facile andare a Napoli per poi imbarcarsi per le lontane Americhe. Nel 1914 Ricadi viene collegata a Tropea con una strada. Sul tracciato di questa corre l'attuale strada Provinciale Tropea-Ricadi-Spilinga. Nel 1905 e nel 1908 il territorio di Ricadi venne colpito da forti terremoti che causarono molti danni ma, fortunatamente, poche vittime.


You are here: Territorio Cenni storici

pubblicità Capo Vaticano Calabria© Pubblicom S.a.s. P.Iva 03057570792 - Azienda di promozione turistica presente sul territorio di Capo Vaticano di Ricadi nei pressi di Tropea in Calabria.